Home Català / Castellano / Français / English / Deutsch / Italiano Contacta
  Villon       Fete
Intervieni nell'animazione

 

 

FRANÇOY VILLON

FRANÇOY VILLON [+] [-]

Françoy Villon nacque a Paris nel 1431. Il suo vero nome è controverso i più attendibili sono quelli di François de Montcorbier o François des Loges ma, adottò il nome del suo tutore, Guillaume de Villon canonico e cappellano di Saint-Benoît-le-Béstourné, che permise a Villon studiare alla Facoltà delle arti fino a diventare "maître ès arts". Raggiunto il diploma nel 1452.
Decide di fuggire da Parigi e passerà i cinque anni successivi lungo la valle della Loira fino a raggiungere Angers, Blois dove trovera protezione grazie a nobili amici.
Fu prima di lasciare Parigi che compose ciò che è ora conosciuto come Petite testament (Piccolo testamento) o Le Lais (Lascito).

Arrestato nell'estate del 1461 per ordine del vescovo Thibault d' Aussigny, che aveva tenuto Villon nella dura prigione di Meung -sur-Loire fu rimesso in libertà il 2 ottobre dello stesso anno.
Rientrato a Parigi, scrisse Il testamento (1462) (Testament), o "Grande testamento", in forma autobiografica è considerato il suo capolavoro usando accenti assolutamente innovativi per l'epoca e completa il Lascito (Lais, o Il piccolo testamento)che Villon dichiara scritto il giorno di natale del 1456 secondo la tradizionale formula del lascito burlesco.
La leggenda Villon, alimentata dall'autore medesimo attraverso la sua produzione letteraria.

Secondo molti critici, dalla sua poesia viene fatta derivare la forma della villanella da cui sarebbe venuta successivamente la canzone napoletana di ambientazione agreste. Villon ebbe notorietà a partire dal XVI secolo quando le sue opere furono pubblicate da Clément Marot.
Analogamente al nome, anche la stessa data di nascita (1431 o 1432) è dibattuta; quella di morte, è sconosciuta poiché da un certo punto (1463) in avanti non si hanno notizie certe sulla sua vita.
Villon ha rinnovato tanto la forma poetica del suo tempo quanto i suoi temi. Per il valore dei suoi versi - e principalmente per il suo capolavoro poetico, i poemi raccolti nei Testamenti - è ritenuto uno dei precursori della corrente letteraria dei maudits, i poeti maledetti.

 
© creactivitat